Il mondo attraverso i miei occhi

Articoli con tag ‘supermercato’

Spesa amica (mica tanto!)

Stasera mi sento davvero stanco. Dopo il mio amatissimo turno che mi ha permesso di assaporare la frizzante aria delle 5.45 del mattino, invece di buttarmi sul letto (a 4 di bastoni, come si dice dalle mie parti), sono dovuto andare  a compiere uno dei doveri del buon padre di famiglia: la spesa.

E allora? E allora al ritorno, stressato, assonnato, sudato (oggi era davvero una giornata stupenda) mi sono reso conto che per comprare un po’ di roba mi sono girato due supermercati. Ma forse il problema non è neanche questo, è che ormai non è che d’improvviso si esce e si va a fare la spesa ma, colpa la crisi (o gli stipendi che in Italia sono tra i più bassi d’Europa?), dietro c’è un certo grado di progettualità: si spiegano bene bene i volantini sul tavolo, ci si arma di carta e penna, e via a caccia di offerte facendo del vero e proprio zapping tra uno e l’altro.

D’altronde di questi tempi è difficile fare diversamente e fare la pallina del flipper tra i vari supermercati è diventata ormai per me un’abitudine, seppure un po’ stancante devo dire.

Ora quasi quasi vado a letto, domani mi aspetta un’altra giornata da cavalletta.

Annunci

Please wait…

Certo si sa, la vita è fatta di attese. Ogni giorno non facciamo altro che attendere: la coda al supermercato, dal dentista, l’attesa in macchina nella speranza che prima o poi si liberi un parcheggio. Quante sfumature ha l’attesa: quella che ci lascia frementi e emozionati mentre aspettiamo che scenda la ragazza con la quale abbiamo il primo appuntamento; l’attesa spasmodica che inizia ai primi di dicembre, quando da bambini aspettiamo quella magica notte che arrivi Babbo Natale a portarci i tanto desiderati doni; l’attesa triste e pregna di aspettative di chi attende che si liberi un posto in ospedale per un problema di salute. Quante attese vissute con gli stati d’animo più diversi e contrapposti, quante ore trascorse ad aspettare che qualcosa si realizzi e quante attese che si rivelano più piacevoli del raggiungimento dell’obiettivo? Quante volte abbiamo atteso, lottato, lavorato, risparmiato per riuscire ad ottenere qualcosa, emozionati ogni giorno di più nell’immaginare il momento in cui si fosse realizzato, e poi? Quando l’abbiamo ottenuta, dopo un po’ tutta la magia  è sembrata svanire.

Per qualcuno (immagino quanti!) sarà stata febbrile anche l’attesa di un nuovo post e di una grafica post natalizia del mio blog.

In ogni modo c’è un’attesa che nella vita non è paragonabile a nessun altra, quella che ci accompagna per nove mesi. Ho usato il plurale perchè coinvolge intere famiglie e sconvolge i ritmi quotidiani riempiendoci le giornate. Questa è l’attesa più bella, dove non ci si innervosisce come quella per un parcheggio, che non annoia e fa paura come quella dal dentista, che non delude come quella di un desiderio  carico di false aspettative.

Ormai è la seconda volta che ho vissuto questi momenti ma questa volta mi sa che nove mesi non sono bastati e tra le domande di tutti e le scommesse mancate si continua ad aspettare e mentre ognuno ha da dire la sua, tra lune piene e lettura delle labbra, tra improvvisate statistiche e rimedi fai da te, mi sa che anche adesso deciderà solo lei quando farci quest’ennesimo regalo.

E per ora non ci resta che attendere.

Please wait…

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: