Il mondo attraverso i miei occhi

Articoli con tag ‘scrivere’

5 buoni motivi

Oggi una sorta di vademecum per chi come me ha un blog.  Cinque buoni motivi per dubitare che abbia un senso continuare a scrivere il proprio blog:

1. “No, questa volta ho scritto proprio un bel post!” ti dici, e poi passi le ore ad aspettare che quello “zero” nelle visualizzazioni diventi uno.

2. Condividi il tuo blog su tutti i social (Oddio forse qualcuno cinese l’hai saltato!) ma si possono contare quelli che ti ca…lcolano.

3. Ti rendi conto che proprio quando hai scritto un articolo di 50 righe, qualcuno su facebook mette “mi piace” dieci secondi dopo che l’hai condiviso e ti chiedi: “Come avrà fatto a leggerlo tutto?”. E ti rendi conto che forse qualcosa non va.

4. “Hai letto il mio blog su facebook?” fai ad un amico e lui: “Guarda, ultimamente non mi connetto tanto; lo leggerò“. E poi te lo ritrovi connesso a tutte le ore a commentare le cose più assurde ma ovviamente non il tuo blog.

5. “Vorrei leggerlo il tuo blog ma non lo trovo più“. Peccato che il nome del blog coincida con il tuo nome.

Meditate gente…meditate.

blog

Annunci

Piuma

Piuma

E la lascerò scorrere ancora

senza meta

libera

su questo foglio improvvisato.

Col tratto incerto

di chi ha dimenticato

la promuovo a messaggera

dei miei futili pensieri.

Ma no, forse il peso è troppo

son già stanco ormai

la lascio riposare;

d’altronde già lo so…

ritornerà a bussare.

di Luigi Tabarro   20 febbraio 2013

piuma

Pausa

Oggi ho bisogno di una pausa anche dal blog. Una giornata decisamente da dimenticare e non ho trovato proprio la testa per scrivere qualcosa di sensato semmai lo abbia fatto.

Non sono riuscito a trovare il distacco necessario e questa sera voglio riscoprire la vera natura del blog: quella di un diario. Il sonno, la rabbia, il senso d’impotenza, la malinconia, emozioni che  poco si conciliavano con un articolo classico.

Farò una pausa allora, almeno oggi, per cercare di riflettere o di  anestetizzare i pensieri con l’aiuto di Morfeo. Nemmeno lo scrivere stasera mi può aiutare, o forse…lo ha già fatto.

Aspiranti scrittori e poeti udite.

Oggi due proposte per chi ha velleità letterarie:

la prima riguarda la casa editrice Ars Medica di Fagnano Olona (Va) che attraverso il sito Youbooktube (ormai Youtube ha fatto scuola) permette, a chi ha intenzione di pubblicare un libro, di avere un preventivo verosimile del costo dell’operazione semplicemente compilando un form. Il sito si occuperà gratuitamente dell’impaginazione, della rilegatura, della promozione e vendita sul sito stesso, facendo pagare solo il costo della stampa. Ad esempio 100 copie di un libro di 120 pagine formato 15×21 con tanto di copertina plastificata costano poco più di 700 euro.

La cosa originale, a mio parere, e che giustifica il nome del sito, è che l’autore, una volta pubblicato il libro online, può associarvi un video di presentazione.

Onestamente l’approccio mi sembra abbastanza immediato per chi vuole pubblicare un testo senza bisogno di peregrinare in giro per l’Italia con manoscritti sotto braccio, ma personalmente dubito un po’ del fatto che un sito web semisconosciuto possa essere in grado davvero di far vendere un libro. Resta in ogni modo l’assistenza e la facilità di pubblicazione e il fatto che per chi lo faccia in questo modo sia già una soddisfazione personale apparire in una “vetrina” seppur virtuale.

la seconda proposta è più classica e riguarda la seconda edizione del concorso letterario “MusOlona” di Solbiate Olona (Va) riservato ai cittadini dei comuni del Medio Olona, Busto Arsizio, Cairate e Castellanza. Quest’anno l’iniziativa prevede due sezioni, una per giovani (dai 14 ai 18 anni) e una per adulti  (over 18), che vede in gara opere inedite di poesia. Al primo classificato di ogni sezione, verrà corrisposto un premio di 500 euro. Le iscrizioni sono aperte fino al 31 marzo 2012 e si può partecipare con un solo componimento.

Per chi ha voglia di cimentarsi in una competizione a suon  di versi, anche questa può essere una buona occasione, sperando che non si finisca per ritrovarsi,  alla premiazione, a dover ascoltare frotte di amici degli organizzatori che presentano le loro opere più o meno strampalate ( com’è accaduto a me), ma questa è un’altra storia.

Meditate gente…meditate.

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: