Il mondo attraverso i miei occhi

Articoli con tag ‘curiosità’

Il percussionista dei sederi

il percussionista dei sederiSaprebbe suonare qualsiasi cosa” siamo soliti dire di chi ha indiscutibili doti musicali. Jorge Perez Gonzalez ha pensato bene di dimostrarlo scegliendosi uno strumento decisamente insolito: il lato b.

Il percussionista ha deciso di usare al posto dei soliti tamburi e grancassa, nientemeno che dei sederi femminili che “suona” con una certa abilità a tempo di una base musicale.

Certo un’esibizione originale e d’altronde nella vita come nella musica per sfondare bisogna avere culo e Jorge questo sembra averlo capito subito.

Annunci

Maschere alternative

Se vi piace seguire la moda internazionale allora ve ne propongo una nuova che si sta diffondendo in Giappone: indossare le mutandine in faccia.

E si,  per una vita  vi siete chiesti in che modo andasse usato quell’indumento che erroneamente nascondavate sotto i pantaloni? Sono arrivati i Giapponesi a mostrarci il loro utilizzo più congeniale: sul viso.

mutandeLa moda che si chiama Kaopan (letteralmente composto da “Kao” volto e “Pantsu” mutande) è scaturita dallo spopolare del manga Kyūkyoku dove il protagonista Hentai Kamen, supereroe sui generis, indossa come costume solo un paio di mutandine in modo “classico” e uno in faccia.

Nato dalla matita di Keishū Ando come parodia di più blasonati eroi dei fumetti, ha avuto talmente tanto successo che molte ragazze nipponiche hanno pensato bene di imitarlo. Complice il diffuso feticismo giapponese per le mutandine, è stato prodotto un photo-book acquistabile on-line dove si vedono giovani studentesse impegnate nelle più svariate attività: rigorosamente con le mutante in faccia ovviamente.

Con questa notizia avete avuto sicuramente la conferma quindi che, come si sul dire, alcune persone hanno davvero la faccia come il culo.

Meditate gente…meditate.

“Retro-spettive”

Dite la verità! Questa estate in spiaggi vi siete sentiti un po’ a disagio nel vedere tutte quelle persone che sfoggiavano i tatuaggi più disparati. Tribals, cuori, ali d’angelo, sui posti più disparati: braccia, caviglie spalle e voi senza nemmeno un disegnino di quelli delle patatine.

Maria Louise del Rosario alle prese col famoso tatuaggio

Se cercate idee chiedete a Maria Louise del Rosario di Miami che in fatto di tatuaggi ha probabilmente creato un precedente. La modella statunitense (22 anni) si è fatta tatuare il nome dell’ora ex fidanzato sull’ano. Si, avete capito bene. Durante la sua apparizione alla South Florida Tattoo Expo  si è fatta fare un tatuaggio in diretta là dove non batte mai il sole di fronte alla telecamera  del giornale New Times.

La ragazza, svelatasi (in senso letterale) al giornale, racconta di aver avuto una vita difficile e di essere stata violentata e malmenata dal padre fin da quando era piccola e di aver avuto qualche piccolo problema con la legge.

Il testo del famoso tatuaggio è “Rockwood” che in realtà è stato inciso per cancellare la scritta precedente, “999”, che capovolto è il numero satanico 666. Insomma non proprio una ragazza semplice questa Maria.

Ora rimane da capire se si sia tatuato il nome dell’ex ragazzo come gesto d’amore o come perenne sfregio alla sua memoria, resta il fatto che dichiara di esserne soddisfatta e aggiunge: “Ho sempre lavorato sodo per guadagnarmi da vivere, ora il mio sedere è famoso in tutto il mondo” ma la frase che mi ha inquietato di più è questa: “Ora che sono famosa voglio andare sempre più in alto e voglio mostrare a tutti il mio sedere con il mio tatuaggio”.

Intanto il video sta avendo anche un discreto  successo su Youtube (e questo è tutto un programma!) ma se per rincorrere la fama bisogna fare questo onestamente preferisco rimanere nel mio tranquillo anonimato.

Meditate gente…meditate.

Una ricetta per pochi.

Se siente amanti della cucina ma pensate che ormai Antonella Clerici e Barbara Parodi vi abbiano detto tutto e Tessa Gelesio ne sappia una meno di voi, allora vi racconto di una ricetta proposta in Giappone qualche settimana fa.

Se vi scandalizzate presto o siete di stomaco debole allora non me la prendo se terminerete la lettura a questo punto.

Ma partiamo dall’inizio. Il 13 aprile su Twitter (tanto per restare in tema con l’articolo di ieri) appare questo messaggio: “Offro i miei genitali maschili (intero pene, testicoli, scroto) come pasto per 100.000 yen. Saranno cucinate secondo le richieste degli acquirenti, in un luogo di loro preferenza“.

Autore della bizzarra iniziativa è l’artista giapponese Mao Sugiyama di 22 anni che già da tempo si era dichiarato “asessuato” ma nulla faceva pensare che arrivasse a tal punto. Cosa ancora più strana è che sono state molte le persone che hanno accettato l’offerta (circa 1000€ s’intenda!) e alla fine ne sono state selezionate 5 che hanno “gustato” (sic! Contenti loro!) la pietanza tra una folla di una settantina di curiosi il 13 maggio scorso.

L’artista ha assicurato che nell’operazione chirurgica e la conservazione (circa 2 mesi) sono state rispettate tutte le norme igieniche del caso. Ha inoltre preteso dai partecipanti al banchetto uno scritto dove dichiarassero il consumo consapevole di carne umana.

La ricetta è stata cucinata sotto la supervisione di un cuoco professionista con aggiunta di funghi champignon e prezzemolo con tanto di spiegazione e foto della preparazione. L’artista ha poi dichiarato di voler aggiungere alla cena anche i suoi capezzoli ma che dopo aver tentato di bruciarli con l’idrossido di sodio sono risultati non commestibili.

Non sono mancate persone che scandalizzate del bizzarro evento hanno informato la Polizia ma quest’ultima ha sottolineato che al momento non esistono in Giappone leggi che vietano il consumo di carne umana.

Ora, dopo avervi lasciato a bocca aperta e stomaco chiuso, vi saluto e aggiungerei che davvero non ci sono limiti alla follia umana.

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: