Il mondo attraverso i miei occhi

Articoli con tag ‘cantanti’

Cantanti dispersi: Elsa Lila

Oggi per la serie chi se lo ricorda, vi propongo un brano di Elsa Lila dal titolo “Valeria“. Il pezzo, che ha partecipato al Festival di Sanremo del 2003 è la classica ballata sanremese con un testo al quanto da soap opera ma che nell’insieme mi è sempre piaciuto.

elsa lilaElsa Lila, classe 1981, nasce e cresce a Tirana in Albania e si può dire che la musica fosse nel suo destino. I genitori infatti, entrambi musicisti classici, la introducono alla musica fin da piccola ed Elsa a soli 15 anni vince il Festival della Canzone Albanese e già nel 1999 viene eletta da un sondaggio televisivo come Miglior cantante albanese del secolo.

In Italia, dove si trasferisce col padre, partecipa nel 2003 al Festival di Sanremo col brano “Valeria” grazie al quale pubblica il suo primo album. Nel 2004 si trasferisce a New York dove grazie alla sua bellezza posa come modella su varie riviste di moda, per poi tornare a Sanremo nel 2007 con il brano “Il senso della vita“.

Negli ultimi anni canta e presenta festival in giro per il mondo collaborando anche con Enrico Ruggeri nella canzone Fluturimi i fundit del 2008.

elsa lila2elsa lila3

4 marzo: concerto per Dalla

Il questo 4 marzo non può mancare un pensiero a Lucio Dalla scomparso il 1° marzo di un anno fa e che oggi avrebbe compiuto 70 anni.

lucio dalla concertoProprio stasera alle 21.10 su Rai Uno andrà in onda il grande concerto organizzato in suo onore in Piazza Maggiore a Bologna dove amici e colleghi metteranno in scena uno spettacolo multimediale dove i protagonisti interaggiranno spesso con la voce registrata dello stesso Dalla. Un “docuconcerto” come lo hanno definito in conferenza stampa, che non avrà un vero e proprio conduttore sebbene sarà Gianni Morandi a tirarne le fila.

Saranno numerosi gli artisti che interverranno alla serata, dagli Stadio ad Andrea Bocelli; da Paolo Fresu a Pino Daniele; e poi Marco Mengoni, Pierdavide Carone (che ha duettato con Dalla nel Sanremo 2012), Gigi D’Alessio, Paolo Rossi, Stefano Di Battista, Chiara, Ornella Vanoni, Fiorella Mannoia oltre ai giovani Antonio Maggio (vincitore categoria giovani Sanremo 2013), Paolo Simoni e il Cile. Inontre Ron, Luca Carboni, Samuele Bersani, Renato Zero, i Negramaro, Zucchero e tanti altri. Confermata anche la partecpazione del compagno Marco Armani.

La Rai ha voluto riservare molto spazio all’evento per il fatto  che la vita artistica dell’artista” ha coinciso con parte della storia della Rai”, ha dichiarato il direttore di Rai 1 Giancarlo Leone. Infatti il concerto, oltre ad essere in prima serata,  potrà andare avanti fino a mezzanotte e mezza.

Visti il calibro dei partecipanti sicuramente un evento unico.

Cantanti dispersi: Mariadele

Per la serie: chi se lo ricorda, volevo proporvi un’artista scomparsa ormai da una decina d’anni dalla scena musicale italiana: Mariadele.

Mariadele

Mariadele

La cantautrice ligure (al secolo Maria Adele Corradi, Levanto 1976) si fa conoscere al grande pubblico nel 1997 con il singolo “Fra Bologna e me, rimasto per molte settimane nella Top 20.Gli esordi della cantante però risalgono alla partecipazione al Festival di Castrocaro del 1994.

Nel ’98 è alla conduzione del programma musicale  “Arrivano i nostri” su  TMC2 che le da la possibilità anche di conoscere Saverio Grandi (autore per Vasco Rossi, Stadio, Mango) con il quale scrive il suo secondo albumVorrei” nel 2000.

Nello stesso anno al Festival di San Marino si aggiudica il premio di Radio Dimensione Suono come artista più programmata del ’99, quando pubblicava i singoli “Vorrei” e “Bellamica” che anticiperanno l’album. Sempre nel fortunato anno 2000 apre i concerti dello  “Squèrez tour” dei Lùnapop e duetta con Gaetano Curreri degli Stadio.

Nel 2002 pubblica il suo terzo e ultimo album “…ora mi faccio un caffè” e dopo qualche partecipazione a dei festival in giro per l’Italia, nel 2004 sembra scomparire dalla scena musicale.

Dal 2008 è iscritta all’A.I.FI. (Associazione Italiana Fisioterapisti).

Ho scelto di proporvi il video di Tra Bologna e me che dopo 15 anni ancora ricordo. E voi cosa ne pensate, la ricordavate?

Perchè Sanremo è Sanremo

E vabbè , non sarò mica l’unico a guardare Sanremo? Martedì l’ho visto di sfuggita ma ieri causa un nutrito assortimento di sintomi influenzali mi sono ritrovato a vederlo dall’inizio.

Devo dire che ieri sembrava davvero essere il festival della canzone italiana: subito tre cantanti dopo un balletto e un breve siparietto tra Morandi e Papaleo (quest’ultimo a mio parere straordinario); la prima sfida tra due ragazzi di Sanremo giovani; altre canzoni intervallate da brevi interventi di Morandi e company;  I soliti idioti con una gag insieme a Morandi e così via fino all’1.10 con la proclamazione delle quattro canzoni escluse.

Insomma il ritmo sembrava essere decisamente diverso da quello della prima serata, dove da padrone l’ha fatta senz’altro più Adriano Celentano che le canzoni in gara. Ora, senza entrare nel merito di quello che il Molleggiato ha detto martedì, mi sembra che si sia esagerato un po’ con lo spazio che gli si è dato, riducendosi, le canzoni, ad essere mero contorno del varietà Sanremo. Altro che festival.

Ieri la musica è tornata a farla da protagonista, pur non mancando degli intermezzi che necessariamente servono a spezzare con la musica e intrattenere, ricordandoci che Sanremo rimane pur sempre un evento televisivo di una rete che deve pur sempre cercare di soddisfare il pubblico e chi nel festival ha investito milioni in spazi pubblicitari.

E allora ben vengano le centinaia di migliaia di euro dati a Celentano se vengono abbondantemente ripagati con la vendita di spazi pubblicitari e far sì che l’evento Sanremo sia anche un’esperienza da chiudere in attivo.

Ritornando alle canzoni, non sembrano malaccio seppur nessuna sembra avermi colpito più di tanto a differenza dell’abbigliamento trash sfoggiato dalla coppia D’Alessio – Bertè in queste due prime serate. Ma se proprio devo sbilanciarmi una nota di merito la metterei ai Matia Bazar e a Nina Zilli.

Aspetterò di vedere (quello che riuscirò) le prossime puntate e chissà cosa ci aspetterà tra problemi tecnici, vallette fantasma e interventi dirompenti di Celentano.

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: