Il mondo attraverso i miei occhi

Articoli con tag ‘bamboccioni’

Lucignolo è tra di noi

Non amo particolarmente questo film, l’avrò visto solo una volta, ma qualche scena mi è rimasta impressa a tal punto che non posso fare a meno di rivederla ogni tanto.

Certo è una stuazione portata agli estremi, esagerata, ma che secondo me rappresenta bene il rapporto madre figlio; in alcuni casi ovviamente. Qualche anno fa l’ormai defunto ministro dell’Economia Padoa-Schioppa coniò la definizione di “popolo dei bamboccioni” riferendosi ai giovani che preferivano rimanere a casa con i genitori. Lascerò da parte la questione sociologica che ne venne fuori e quelli che non riescono a staccarsi dalla famiglia per una questione puramente economica per soffermarmi su quelli che amano crogiolarsi nelle attenzioni materne.

Diciamoci pure la verità, chi uomo rinuncia facilmente a delle attenzioni infinite, alle camice sempre stirate, alla cena sempre pronta e al menù sempre perfetto? Mettiamoci pure la mamma chioccia che pensa sempre che il proprio figlio abbia tre anni e necessiti di continue attenzioni e cure  e la ricetta è pronta.

La figura della mamma “schiava” (per sua volontà!) dei figli non è certo una rarità, seppure non si comprende, a mio parere, che si arreca più un danno che altro, impedendo ai figli di crescere e responsabilizzarsi.

Le scene del film ambientate a tavola mi fanno morire dal ridere, con il figlio prepotente  e dittatore, la madre succube e assecondevole e il padre che osserva con un mix di sconcerto e rassegnazione. Ma siamo sicuri che questo accada solo nei film o magari scene del genere, o quasi, accadono sul serio?

Meditate gente… meditate.

Annunci

Scioperi a confronto

Ieri guardando le immagini dello sciopero generale pensavo a quelle migliaia di poveri cristi che di questi tempi perdono una giornata di lavoro per far valere e sentire il loro dissenzo. E quindi? Vi chiederete. Mi è venuta in mente un’altra categoria che quanche settimana fa ha scioperato: i calciatori. Ma ce li vedete arrivare in piazza, prendere le bandiere griffate Armani dal bagagliaio dei loro Suv o delle loro Lamborghini e mettersi a gridare (non troppo perchè poi sudano e non possono fare gli allenamenti!) slogan del tipo: “Non ti pago quella tassa, giù le mani dalla barca”?. Per poi andare a casa perchè il loro Rolex gli ha detto che si è fatto tardi e alle 11 hanno appuntamento per il massaggio alla beauty farm.
Eppure senza neanche bisogno di scendere in piazza il tanto contrastato contributo di solidarietà è stato tolto dalla manovra (chissà anche a chi altri non andava giù).
Rimane il fatto che anche chi dovrebbe ringraziare il cielo per quello che guadagna si mette alla stregua di chi tira per arrivare a fine mese e teme per il proprio futuro. Loro il futuro se lo sono già assicurati.
Senza scendere in discussioni da bar, rimane l’amarezza per il gesto e per il fatto che siamo noi i veri responsabili di tutto ciò, noi che contribuiamo con la nostra sete di calcio a tutti i costi. E i vari Sky, Mediaset Premiun e la miriade di sponsor se la ridono. Grazie popolo italiano.

Chi è causa del suo mal pianga se stesso

Meditate gente…meditate.

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: