Il mondo attraverso i miei occhi

Articoli con tag ‘bambini’

A te…

A te…

che mi alzi in cielo con un dito

A te che sai

come farmi sciogliere in un abbraccio

A te che piccola

sei già più grande di me

A te che 

sai rimettermi al mondo con un solo bacio

A te che

senza te sarei già niente

A te che sai

sarò sempre qua

auguri amore mio.

Papà.

papà e figlia

Rosa

Ora il rosa sta davvero iniziando a darmi fastidio. Già il fatto che sia l’unico maschio in casa so che diventerà presto un problema ma che tutto stia pian piano diventando monocolore me lo fa pensare ancora di più.

Non che non mi piaccia il colore in sé ma immaginatevi la sera una scena del genere:

Moglie: pigiama rosa.

Bimba n.1: pigiama rosa.

Bimba n.2: indovinate? Pigiama rosa.

Asciugamani delle bimbe: rosa.

ROSA ROSA ROSA ROSA…sto impazzendo.

Non pensiamoci, mi dico, prendiamo il cestino millecose (perchè in effetti c’è un po’ di tutto!) e giochiamo un po’ con le piccoline. Passa qualche minuto e realizzo una cosa: ma sbaglio o la fodera del cestino è di un rosa pallido e all’esterno c’è un fiocchetto rosa.

Allora mi si aprono di nuovo gli occhi e rivedo la realtà: portaciuccio rosa; termometro del bagnetto a forma di pesciolino rosa; borsettina rosa con zip; pettinino con inserti (per fortuna solo quelli!) rosa; spazzola rosa; porcellino di peluche rosa.

Inizio a pensare che sia un incubo e corro  e davanti allo specchio, provo a schiaffeggiarmi sperando di sveglirmi ma niente da fare e in cambio le mie guance sapete come sono diventate: ROSA.

Noooooooooooooooooooooooooo…

Le piccole cose 2

Certo ormai le mie giornate sono davvero cambiate. Sembra lontano il tempo in cui potevi passare ore davanti ad un film, scendere quando ti pareva, magari solo goderti un’oretta in silenzio.

Ora tutto è cambiato con due piccoline per casa. Ormai sono loro a dettare i tempi e altro che passeggiate e tornar tardi la sera. In ogni modo la vita non è tanto monotona come si può pensare, faccio tante attività e sport: mi sento un po’ centrometrista quando cambio i pannolini in tempo record; un po’ architetto quando inseme alla mia bimba di due anni costruisco torri con i cubi di legno; un po’ acrobata quando cerco di alzarla in alto con i piedi sulle spalle e lei si sente “atta atta“.

Quanto sport allora, quante emozioni. Ho scoperto di potermi emozionare per quattro cubi messi in colonna dalla mia piccola come se fossero la Tour Eifell; ho capito che basta che abbia imparato a pronunciare il tuo nome per ripagarti di mille passeggiate; ho provato sulla mia pelle che un abbraccio forte di quel piccolo esserino può condensare in se tutto quello a cui hai rinunciato.

Tutto sommato ne vale la pena, e poi alla fine c’è sempre tempo per fare tutto, magari tutto insieme a loro.

…e tanto per giustificare il titolo, vi ricordo un mio vecchio post:  clicca qui.

Sicurezza prima di tutto

(altro…)

Canzoni poco profumate

Se pensate di avere sentito di tutto, se credete che ormai siano state dedicate canzoni un po’ ad ogni cosa, con le varie motociclette, il mare, il peperone, non avete ancora sentito niente.

E se pensate che le canzoni per bambini siano spesso assurde, alle volte incomprensibili e siete quasi svenuti alle serate di baby dance in compagnia dei vostri pargoli, forse vi manca questa chicca.

Quante volte avete esclamato “Ma che canzone di me…a!” ascoltandone una che su di voi non aveva proprio un grande appeal? Quante volte avete dichiarato (sicuramente in altri termini) che questa o quella canzone facesse effettivamente generare in voi processi intestinali da non poter contenere?

Con questa canzone che vi propongo potete dare liberamente sfogo al vostro pensiero e dire senza paura che si tratta davvero di una canzone di…cacca.

Buon ascolto!

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: