Il mondo attraverso i miei occhi


Negli ultimi anni ho un rapporto un po’ particolare con il sonno. Per lavoro non ho sempre un orario preciso per andare a letto o alzarmi la mattina, e mi ritrovo a dormire a volte quelle 3-4 ore, a svegliarmi alle 3.30 del mattino o andare a letto all’1. Questo quando mi va bene e non lavoro di notte. Due le condizioni in cui sono solito trovarmi:

  • Il tossico:

quando ad occhi aperti sogno e pregusto il momento in cui mi troverò disteso sul letto, magari sotto le coperte al caldo quando fuori è freddo, lasciandomi andare tra le braccia di Morfeo. Peccato che la maggior parte di queste volte sia a lavoro e quasi mi senta come un drogato in crisi di astinenza che darebbe qualsiasi cosa per una dose; si una dose di gustosissimo e inebriante sonno.

  • Lo zombie:

ultimamente poi, con le due bambine piccole, mi ritrovo a vagare per casa come uno zombie, in piena notte, con una delle due in braccio facendo fatica per non andare a sbattere. “Si è svehragghata la graght!” farfuglio a mia moglie, cercando di farle capire qualcosa, ma ci rinuncio quando mi risponde con un secco “eerggh!” e capisco che anche lei, magari con l’altra in braccio, è nella mia stessa condizione.

Dove sono finite le maratone del sonno? Chi si è portato via quelle mattine intere con la tapparella abbassata e tua madre che sussurra a tuo padre: “Shhh! Zitto che sta dormendo.” Mi sembra passato un secolo.

In ogni modo, se vedete che vi osservo, che sembro non capire quello che dite ma annuisco inebetito con le palpebre semi abbassate, sappiatelo, ho una delle mie crisi di sonno.

Sorry!

Annunci

Commenti su: "Dolce dormire (e non solo ad aprile)" (2)

  1. Cosimo ha detto:

    Caro Luigi…
    Se credi di essere il solo ad aver attraversato…lo Stige…^_^….consolati…sei in…ottima compagnia.Chi piu e chi meno, noi tutti abbiamo avuto i tuoi trascorsi….^_^…io poi in particolare, oltre a svegliarmi per ..i miei figli..ho fatto la stessa cosa quando è nata la mia nipotina.E’ brutto dire sempre la stessa frase…mal comune mezzo gaudio…purtroppo quella è una storia che si ripete come…la storia infinita…Chiedi ai tuoi genitori quanto sonno hanno dovuto rinunciare per te…e quante volte ti hanno preso..in braccio…^_^…ora non sò quanto pesavi da piccolo ma…vista la stazza che hai adesso…!!!!!….^_^…Consolati caro Luigi…prima o poi, speriamo in un poi il piu lungo possibile, avremo tutti tempo per…dormire e..riposare in pace…^_^….Felice giornata Luigi

Lascia un Commento - L'indirizzo mail non apparirà

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: