Il mondo attraverso i miei occhi

Scioperi a confronto


Ieri guardando le immagini dello sciopero generale pensavo a quelle migliaia di poveri cristi che di questi tempi perdono una giornata di lavoro per far valere e sentire il loro dissenzo. E quindi? Vi chiederete. Mi è venuta in mente un’altra categoria che quanche settimana fa ha scioperato: i calciatori. Ma ce li vedete arrivare in piazza, prendere le bandiere griffate Armani dal bagagliaio dei loro Suv o delle loro Lamborghini e mettersi a gridare (non troppo perchè poi sudano e non possono fare gli allenamenti!) slogan del tipo: “Non ti pago quella tassa, giù le mani dalla barca”?. Per poi andare a casa perchè il loro Rolex gli ha detto che si è fatto tardi e alle 11 hanno appuntamento per il massaggio alla beauty farm.
Eppure senza neanche bisogno di scendere in piazza il tanto contrastato contributo di solidarietà è stato tolto dalla manovra (chissà anche a chi altri non andava giù).
Rimane il fatto che anche chi dovrebbe ringraziare il cielo per quello che guadagna si mette alla stregua di chi tira per arrivare a fine mese e teme per il proprio futuro. Loro il futuro se lo sono già assicurati.
Senza scendere in discussioni da bar, rimane l’amarezza per il gesto e per il fatto che siamo noi i veri responsabili di tutto ciò, noi che contribuiamo con la nostra sete di calcio a tutti i costi. E i vari Sky, Mediaset Premiun e la miriade di sponsor se la ridono. Grazie popolo italiano.

Chi è causa del suo mal pianga se stesso

Meditate gente…meditate.

Annunci

Commenti su: "Scioperi a confronto" (2)

  1. corrado ha detto:

    ciao luigi…..io la penso cosi, sono un’appassionato di calcio ma questo non vuol dire che condivido lo ”sciopero” che hanno fatto i calciatori!!ma vorrei vedere quanti di tutti quegli operai che hanno scioperato martedi sono andati a manifestare i propri pensieri in piazza.be io penso che la maggior parte di tutti gli scioperanti l’abbia fatto solo per rimanere a casa o andare in piscina oppure al bar per l’aperitivo.
    comunque lo sport in una socetà cosi ostile, dove la sola cosa che conta è l’apparenza riesce ancora a darti delle emozioni imporanti!!…purtroppo la politica riesce a manipolarci!!

    • Grazie per il commento Corrado, capisco che il calcio possa regalare delle emozioni ma per quanto tempo abbiamo fatto a meno di vedere tutte le partite in tv, accontentandoci del buon vecchio 90° Minuto o Tutto il calcio minuto per minuto? Ci rimaneva solo lo stadio per le vere emozioni. Certo i tempi cambiano e hanno portato con loro pro e contro, quindi più emozioni ma anche più giro di soldi.
      Per quanto riguarda lo sciopero, penso che se è da apprezzare chi oltre a scioperare è sceso anche in piazza, dobbiamo ricordarci che anche a chi non è sceso in piazza lo sciopero è costato una giornata di lavoro, non retribuita, quindi niente soldi per aperitivo e piscina. Io con un solo stipendio e con famiglia ho scioperato perchè ci credevo e comunque economicamente si sentirà. Poi ognuno conosce le proprie motivazioni e ne risponde alla prorpia coscienza.
      Grazie comunque per la tua attenzione e continua a seguirmi e a farci sapere come la pensi. Ciao!

Lascia un Commento - L'indirizzo mail non apparirà

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: